Avete voluto la bicicletta? (Ai Weiwei @ San Gimignano)

A woman looks at an art installation by dissident Chinese artist Ai Weiwei during a media preview in Taipei

E ancora una volta Ai Weiwei ha dato prova di essere un genio. Nel suo ultimo lavoro dal titolo Staked – 160 biciclette impilate l’una all’altra come un unico corpo meccanico alla Galleria Continua di San Gimignano (sì, la piccola San Gimignano di Siena contro il gigante cinese) – se da un lato riflette sul cambiamento sociale del Dragone, dall’altro polemizza contro le ossessioni bio e green dei radical chic occidentali. Non che mangiare bio o andare in bici faccia male, ma si rischia, ecco la genialata dell’artista, di trasformare la bici nel simbolo di uno stile di vita in cui non si crede veramente.
Fino a qualche decennio fa la bici rappresentava, senza troppe pretese, l’unico vero mezzo di trasporto di miliardi di musi gialli (e lo è ancora per chi non ancora mai visto l’asfalto in vita propria). Oggi, con troppe pretese, la bici è diventata l’orpello più ostentato di coloro che camminano scalzi, mangiano tofu, hanno più amici cani che umani. Insomma i poveri si comprano la macchina, i ricchi la bici. E il mondo ancora una volta, dà prova di funzionare al contrario.
PS l’installazione a San Gimignano dura fino al prossimo 16 di febbraio.

Annunci

2 pensieri riguardo “Avete voluto la bicicletta? (Ai Weiwei @ San Gimignano)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...