Disconnect, la mattanza della realtà

disconnect
C’è un ragazzo solo, ascolta i Sigur Ròs nel buio della sua stanza, mentre il mondo attorno urla col suo modo volgare di fare. Qualcuno si prende gioco di lui. Lui si impicca, e per giunta, non riesce a morire. Giace su quel letto di ospedale per settimane, suo padre cerca Jessica, la colpevole del dolore, trova un compagno di scuola e lo prende a bastonate.
Una donna cerca conforto per la morte del suo bambino. Il marito, un marines, ne dimentica. Qualcuno le entra nel suo computer, le cracca le password, le svuota il conto. Il marines rivuole i soldi indietro trova la persona sbagliata, gli punta un fucile al cuore.
Una giornalista cerca l’amore in una chat. Lo trova: è bello, hai capelli biondi, un tatuaggio sul petto, ma è quasi minorenne. Lei non riesce a proteggerlo dall’Fbi, e alla fine ci prende un cazzoto in pancia.
A fare la cosa giusta, c’è solo un detective. Che ruba un Ipad a un bambino e cancella i suoi dati pesonali. Il pollo arrosto quando cade a terra, però, andrebbe buttato nella pattumiera. E non rimesso sul piatto dove stai mangiando.

L’America va in frantumi, l’Europa è già a pezzi, noi giochiamo a vivere su internet, mentre diventiamo vecchi. Vi ricordate come si scrive con la penna? E come si pizzicano le corde di una chitarra? Sapete che un tempo si riavvolgevano i nastri delle cassette con le matite? Io non lo ricordo più. Disconnect è un film arrivato in Italia da tre giorni, arriverà in Germania tra quattro. Presentato a Toronto e a Venezia, assomiglia, per come è intrecciato, a Babel di Alejandro Inarritu. Racconta il dramma delle vite non vissute, delle vite disconnesse, di come internet stia macellando la realtà. La colonna sonora è quella meravigliosa di Max Richter che già aveva scritto le musiche del Valzer con Bashir.

Tenete presente però che il Tornado emotivo, sonoro, che trascina il ragazzo chiuso nella sua stanza a salire su quello sgabello, prima di lanciarsi nel vuoto con la cinta al collo. Be’, quello è di Jònsi, voce dei Sigur Ròs.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...