Che ne sai tu di un campo di grano

Foto del 14-08-14 alle 15.15
(poesia di un amore profano la paura d’esser preso per mano, che ne sai)
Facciamo finta per un attimo che Facebook sia l’universo
e che io ora voglia urlare all’universo che amo mio padre
solo perché stanotte, magro come un chiodo, stonato come una campana,
triste come uno che ha vissuto fino ad ora altrove,
lui canta Lucio Battisti
dalla veranda di una casa costruita dove un tempo era mare.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...