Riprendimi Berlino ❤️

Tu prussiana, tu vergogna nazista, tu rifugio degli ugonotti, tu che qualche volta ci hai provato a far fuori Hitler senza riuscirci, tu violentata a destra e a sinistra da dittature di destra e dittature di sinistra. Tu archeologa di te stessa che ancora scavi ne i sotterrani (e nelle colpe) delle prigioni della gestapo,Continua a leggere “Riprendimi Berlino ❤️”

Seppe, un uomo trans-generazionale (https://storieaperte.com/)

Questo e´ trailer di un Podcast che racconta la vita di mio padre, Seppe, un uomo trans-generazionale, un uomo che nel bene e nel male ha attraversato più generazioni in una sola esistenza. Seppe, sta per Giuseppe, cosi´ come lo chiamava mia madre, Maria. Il mare era la sua casa. Al mare ha deciso diContinua a leggere “Seppe, un uomo trans-generazionale (https://storieaperte.com/)”

I fiori di Sachsenhausen

Un tappeto di muschio rosa, che pare velluto.In mezzo la pista della morte, mille ossidiane rotte, lui gia’ malnutrito.C’erano scarpe da testare, 30 chili di pietre addosso da trasportare. NO-STOP. Fino a schiattare.E tu non ci puoi credere: di primavera, nascono fiori anche a Sachsenhausen Un francobollo bianco tra le dita,un segreto rubato, per vincereContinua a leggere “I fiori di Sachsenhausen”

Dolore scala otto (🇺🇦)

Questa finta quiete occidentale. 🇺🇦Poco lontano, tuonano le bombe, 🇺🇦tutti pronti alla prossima ecatombe. 🇺🇦 Un tempo una casa, oggi pattumiera 🇺🇦chimera la guerra 🇺🇦La chiesa si mette in posa, 🇺🇦si prepari il processo alla resa 🇺🇦 E noi qui bella Europa: 🇺🇦studiare marketing 🇺🇦fare shopping 🇺🇦sognare un meeting 🇺🇦 Con quella maschera sembri unaContinua a leggere “Dolore scala otto (🇺🇦)”

Soldato alla mia alba

Distopica io le speranze e i sorrisi Dispotico tu i tuoi occhi e tutto quello che dici Distopico il canale i graffiti e l’amore Dispotici i cortili la tua mano e la mancanza di calore Distopica Berlino gli incontri e la pioggia Dispotici i messaggi le foto e i pomeriggi Distopici gli abbracci, i baciContinua a leggere “Soldato alla mia alba”

(In)sicuri da ogni turbamento

Eccolo là, lo specchio che dice la veritàlui vede, tira fuori codesti mostridopo un eterno weekend (di quelli che durano trent’anni),Era stato promesso ancora una volta distillato di cuore rarefattotra tiramisù, una pizza, un genitore, le coccole a un gatto. E invece un immenso dolore negli arti, nelle viscere, in quel muscolo che calcola laContinua a leggere “(In)sicuri da ogni turbamento”

Nave angolare

Parallelepipedi irregolari, spazi deformi, mondi capovolti,Pareti sciolte, corridoi voraci, contro-soffitti stravolti, Nella nave canta un violino ungheresea un certo punto il suono del mare resta sospesosi sente un urto, uno squarcio, sembra quasi uno scherzo Al giglio, al buio di notte le sue urla, di acciaio, lei affondaConcordia. Concordo: infinita (o forse nessuna) Misericordia Inclinata,Continua a leggere “Nave angolare”