Voglia di negativo

finestra_Geliebte

Al primo suono di primavera,
gli amanti alla finestra
diventarono blu dalla voglia.
Non potevano più aspettare,
rimandavano quel istante da una dozzina di kalpa.
Qualche metro più in basso,
alla stazione dei treni di Gorlizer Bahnhof,
il tossico vagava stordito
con addosso solo una voglia.
Una voglia grande e pura
come quando voglia si ha
di acqua dopo notte di alcol,
di caffé dopo letargo di inverno
di corpo dopo millenni di poesia
di pace dopo guerra mondiale.
Il commerciante delle cose scomode,
gli fa un sorriso,
fa il suo nome,
chiama la sua droga.
Lui sente tutto
tira dritto
col muschio in testa
e la morte nel cuore.
Il tossico aveva promesso
che avrebbe smesso
di fare a pezzi la vita
come negativi fotografici,
dove nero è luce,
bianco è buio,
nulla è amore.
Suo figlio aspettava,
suo figlio lo stava aspettando.
La  voce del figlio chiamava il suo nome.
La voce del figlio condannava la voglia.

liebe_am_fenster_oriz

Annunci

Un pensiero riguardo “Voglia di negativo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...