Aspetto il vento

L’acqua il diavolo

La luna le pietre

il vetro la Grecia

La tosse la rabbia.

Hai vinto tu.

(Lasciamo danzare le marionette del job center ancora qualche anno)

Quest’estate ce ne andremo al mare

(Gli aerei ci porteranno in Italia, amore mio)

Al mare e’ venuta la febbre

(Continuamo a uccidere i colori, facciamo posto alle alghe)

E i baci non sono più quelli di una volta

(Un tempo avremmo potuto berci su)

Non ricordo più in quale punto mi sono spezzata

(Ricordo quel tramonto su una terrazza a Tokyo)

Inquieta come un colibrì, zucchero nel polline del fiore

(La casa e’ troppo piccola per i sogni, bisognerebbe traslocare)

Aspetto il vento

L’aria buona

Mi guardo allo specchio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...