La gente stanno male (ovvero: chi ha sparato al conte)

Devo spiegare meglio un concetto. L’amore per conto terzi, espressione – e modo di sentire -coniata da una sposa con cerchietto fucsia che sabato scorso si aggirava lieta e radiosa per i vicoli di Castelfidardo.
Ora, la gente conoscono le mie allergie ai matrimoni. Ma una cosa Hugh Grant l’aveva capita. Il matrimonio favorisce l’amore. Anche se la gente, dell’altare, notoriamente, se ne fottono.
Il postulato è piuttosto semplice: Se A ama B e B ama C (dove per amore si intende anche amicizia, confidenza, intimità, complicità e mille altre robe belle) A ama C. Pur non conoscendolo. Per questo come insegnano alla televisione – Quattro matrimoni e un funerale – la gente anziché andare a casaccio nei pub di mezzo mondo, dovrebbero tornare a frequentare i matrimoni dei vecchi amici. Se proprio sono interessati all’anima gemella.
Torniamo alla cronaca. La gente venerdì partono con destinazione conero. Qualcuno per arrivare al matrimonio hanno addirittura attraversato un fascio di neutrini sotto al gran sasso, mentre altri studiavano a memoria le scene della serie tivù, gli occhi del cuore (a fondo pagina il riassunto della trama, e vi supplico: leggetela tutta). A tramonto tutta questa bella gente, si sono ritrovati,  nella culla della fisarmonica. Qui la gente si sono divisi: Chi giocava a biliardo, chi beveva cocktail, chi sognava di fare un cazzo in piscina e chi  faceva prove di equilibrismo su sgabelli a forma di gnomi.
Qualcuno è andato a letto tardi. La stessa gente che l’indomani hanno faticato a levarsi in piedi e a mettersi i tacchi alti. Hanno faticato ancora di più certa altra gente a trovare il municipio del sodalizio. E ancora più imbarazzante, c’è stata gente che quando finalmente la sposa dal cerchietto fucsia poteva baciare lo sposo, hanno scattato milioni di miliardi di fotografie vintage con la reflex analogica. Il tutto senza uno straccio di pellicola. Poi però finalmente la gente si è riscattata dalle fatiche di gente invitata, con pappardelle, fave, menta, vino, carrucola e ulivo. A questo punto la gente potevano pure andarsene a casa. Invece no. C’è gente che hanno cominciato a suonare musiche tarantolate e altra gente si sono messe a ballare. Sposa compresa, col torcicollo.
Dopo il dolce, non paga, la gente, se ne sono andati in piscina. Così hanno cominciato a fare i gavettoni a quella gente che ci avevano messo un’eternità per farsi la messa in piega . E questo mentre tutti si domandavano sostanziamente due cose: Chi aveva sparato al conte e dove si trova il darfur.

TRAMA: GLI OCCHI DEL CUORE 2

Nella prima puntata de Gli occhi del cuore 2 troviamo Giulia che si era da poco risvegliata in clinica. La giovane dottoressa aveva scoperto la sua malattia e sapeva che le rimanevano pochi mesi di vita. Piena di dubbi ed incertezze parla con il Dottor Giorgio e a quest’ultimo rivela la voglia di ricominciare tutto dall’inizio e di andare in luogo nuovo dove non la conoscesse nessuno.

La storia de Gli occhi del cuore 2 è incentrata attorno ad una clinica in cui ci sono 3 famiglie. Giulia ha ereditato la clinica dal conte il quale con un inganno le ha rubato il 50% del pacchetto azionario. La dottoressa aveva inoltre ereditato dal conte un’anello ma aver ereditato quell’anello significava per lei non essere più libera, visto che non poteva cedere al ricatto del Dottor Randelli.

A risolvere la situazione ci pensa nonno Alberto il quale dice che sarebbe andato personalmente a parlare con il Dottor Randelli. Giulia voleva andare a parlare con il conte ma viene fermata da Giorgio il quale le dice che nonno Alberto avrebbe trovato un’altra soluzione. Nonno Alberto, in un dialogo finale, prende l’anello che si trovava nella tasca della sua giacca e dice che non avrebbe permesso che il conte rendesse di nuovo infelice sua nipote, ovvero la Dottoressa Giulia.

Giorgio e Marina (madre di Giorgio) intanto avevano perso tutti i soldi. Giorgio consiglia alla madre di andare a parlare con il conte il quale non le avrebbe negato i soldi ma Marina non voleva rivedere il conte. Successivamente Giorgio va dal notaio a firmare un’accordo. Giorgio scopre che il fratello gemello, Eric, si era spacciato per lui nel tentativo di recuperare il pacchetto azionario. Giorgio affronta il fratello, lo smaschera e quest’ultimo gli confida che il conte aveva violentato sia sua sorella che sua madre. Questa verità, tenuta a lungo dentro, era stata il motivo per il quale Eric era diventato cattivo.

Annunci

5 pensieri riguardo “La gente stanno male (ovvero: chi ha sparato al conte)

  1. bello. ho solo due obiezioni. 1) una sol tema, l’issue è “chi ha sparato al conte”. 2) una sulla grammatica, “la stessa gente che l’indomani HANNO faticato a levarsi in piedi”.

  2. E’ ufficialmente iniziato il rinnovo della lingua italiana. Il prossimo step è scrivere all’accademia della crusca per dire che la gente si sono stancata di pensare alla gente al singolare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...