İstiklâl Caddesi

Istanbul

Accendi i ventilatori in moschea,
ché a Berlino è meno cinque.
Balla sufi,
Balla sufi,
soffia e muori.
Poiché la voce della donna turca,
unica femmina autorizzata
a cantare nel bar sport
del paese di frontiera a ovest,
ti taglierà le vene.
Ancora un altro tramonto sul Bosforo,
Ancora un altro olocausto dimenticato.
Ancora un’altra domenica di pane e sangue.
Mio amore curdo,
torna da me İstiklâl Caddesi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...