Remembering Auschwitz: 70 Years later

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rogo di Uomo

Sono andata ad Auschwitz,
non certo per veder spezzate le matite di Charlie.
Lì in Polonia anche i pini hanno smesso di crescere.
Il nonno si occupava della resurrezione dei ricci,
il padre spianava il giardino bucato dalle talpe
la mamma dal canto suo, il bucato lo stendeva in giardino.
Grande cazzata. Con tutto il nero che c’è nell’aria.
Fossi in lei non lo farei
gela la colza
gela la segale
gela la cenere

Sono andata ad Auschwitz,
non certo per bermi un caffé al Mac Donald
La bambina nata nel 1942 si è salvata.
Sua madre no. E’ uscita che pesava 25 chili,
In compenso con suoi i capelli d’oro
ci hanno tessuto una rete
con cui i pescatori dell’Elba ancora oggi vanno a lavorare.
Se fossi in voi
il genocidio lo rifarei
le stufe le accenderei
nel crematorio numero sei

Sono andata ad Auschwitz,
non certo per dare giudizi al vento.
Lui se vuole ti spezza le ossa,
Lui per sua natura è cattivo,
Lui ha il compito di disperdere
i fumi di rogo umano.
Se fossi stata al mio posto
te ne saresti scappata
Cappadocia ad ogni costo
cavalli impazziti
matita spezzata.

Vita La Roux

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...