Sabato di mezzo autunno

Il giallo impetuoso di queste foglie

che diventano

morte,

scaccia ogni alibi del non vivere.

Anche se l’indifferenza della città

senza muro

da oltre trent’anni

ferisce

finanche negli ospedali ebrei

(Ospedali imbrattati da chi sogna

La fine della guerra con l’intifada).

I bambini ora dormono

Gli scivoli ora piangono

Le nuvole restano

Il quadro e’ perfetto.

Per un te di un sabato di mezzo autunno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...