Lava di ghiaccio

La paura della morte

Come un’onda di lava gelata sul corpo

Non c’e’ piu’ riposo per il cuore

Torna il ricordo del dolore

Del padre che affanna nella sua malattia

Ora sta steso da quattro anni sui colli piu’ belli (mio dio quanto manca)

Fisica e quanti, le sue membra si sgretolano

Dov’e’ l’eterno in questo materno dissolversi?

Dov’e’ l’infinito in questo io costante?

Arrivera’ quel momento. Di ricongiungimento.

Che si spenga la mente, prima che il respiro si fermi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...