La fine di una serie

Mandala imperfetti

Di cristalli rarefatti

Non sono sufficienti a curare il dolore di aborti mai avvenuti

Col vento di fine maggio

Tra le foglie un raggio

Si staglia nel silenzio della polvere che fa il solletico alle piume

L’inquietudine di primavera

Stesa come la nebbia di sera

Attiva ricordi che infettano i pori del viso ormai infiammato

La Solitudine non curata

Sotto questa pelle scrostata

Uccide i ricordi delle notti senza fine con gli amici dimenticati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...