In volo con mosca-elicottero (a Washington dc)

Sono una mosca grande come la tua mano, ho gli occhi indaco, le ali pipistello, trasparenti come le foglie dimenticate per decenni,tra i libri in cantina. Sorvolo ondeggiando come elicottero, la città.La città dove comincia il Sud. Qui niente grattacieli, cantano cicale, piove al tramonto, odora di latinos, sa di nero. Loro mi sorridono. Ragazze con minigonne e gambe larghe. Politici sudati che sembrano aver capito il senso. Ride lo spazzino, ride il boscaiolo, ride l’usciere, ride il giardiniere, ride l’insegnate di salsa, io scanso le persone col volo della mosca elicottero. Continua a leggere In volo con mosca-elicottero (a Washington dc)