America a mezz’asta

Foto del 17-09-14 alle 17.05

Colpo di pistola
Vietcong nascosto in cespuglio a 45 gradi nord
(Frank prega e non fiatare)

Colpo di Pistola
commilitone alla tua destra
gli parte via la testa,
se l’è mangiata il fuoco
(che schifo puzza di carne bruciata,
Frank prega e non fiatare )

Colpo di Pistola
compagno squadrone Alabama a venti gradi a est
urla, cade, rotola nel fango e poi non urla più
(Frank sei troppo lontanto, 
da qui non puoi salvarlo, 
respira prega non ti muovere)

Colpo di pistola
Vietcong scappa
Nemico non ti ha visto
(Frank sei rimasto solo,
il gohonzon che porti al collo funziona cazzo,
sei ancora vivo cazzo).

Colpo di pistola
Ricordare ti fa male
La guerra di proposito non si può fare.

Colpo di pistola
Qui non fuma più nessuno
l’America è a mezz’asta
Frank si addormenta.
Torna Saigon.

Annunci

In volo con mosca-elicottero (a Washington dc)

Foto del 04-09-14 alle 22.20
Sono una mosca grande come la tua mano,
ho gli occhi indaco, le ali pipistello,
trasparenti come le foglie dimenticate per decenni,
tra i libri in cantina.
Sorvolo ondeggiando come elicottero, la città.
La città dove comincia il Sud.
Qui niente grattacieli, cantano cicale,
piove al tramonto, odora di latinos, sa di nero.
Loro mi sorridono.
Ragazze con minigonne e gambe larghe.
Politici sudati che sembrano aver capito il senso.
Ride lo spazzino,
ride il boscaiolo,
ride l’usciere,
ride il giardiniere,
ride l’insegnate di salsa,
io scanso le persone col volo della mosca elicottero.

Bieniek, il genio del doppio

doubleface
Tutto è nato dalle Doublefaced, facce doppie in una soltanto, un occhio è vero e uno dipinto, uno è blu l’altro e nocciola, uno è sveglio, uno addormentato. Mentre lei, la portatrice dell’occhio vero, esce dalla doccia, beve, un caffé, fuma una sigaretta. Le foto ritwittate e promosse da
Ai Weiwei nelle ultime due settimane hanno fatto impazzire la rete e sono state viste da più di 5milioni di persone. Alcuni, pagando il giusto prezzo, le hanno già comprate. Così ho deciso di incontrarlo, Sebastian Bieniek. Per scoprire chi è il genio che vive a Berlino entrato nelle grazie dell’artista contemporaneo più famoso del mondo. Nato il 24 aprile 1975 in Polonia da genitori tedeschi, lo considerano tedesco tra i polacchi, polacco tra i tedeschi. Lui, a prescindere dalla doppia nazionalità, si sente quello che gli altri vogliono. “Mir ist egal, cosa sta scritto sul passaporto”, dice, anche se sì, riconosce il sangue è slavo. Di certo non vive con il senso della frustrazione dei figli degli oppressi – Polonia – che vanno a vivere da grandi nel paese degli oppressori – Germania. “Certo, mi conviene passare per polacco in Israele o per tedesco in India, ma la nazionalità mi pare tanto una costruzione politica, inutile”.

Continua a leggere “Bieniek, il genio del doppio”

L’America, la disoccupazione, i sogni, le mance e la meritocrazia

Zuccotti park. Quel che ne resta. Gennaio 2012.

Abbiamo creato 3,7 milioni di posti di lavoro in 23 mesi. L’economia si sta rafforzando, la ripresa sta diventando più veloce. Parola di Barack Obama. In un solo mese – si riferisce a gennaio 2012 – sono stati creati 243 mila posti di lavoro.
 Continua a leggere “L’America, la disoccupazione, i sogni, le mance e la meritocrazia”