Nave angolare

Parallelepipedi irregolari, spazi deformi, mondi capovolti,
Pareti sciolte, corridoi voraci, contro-soffitti stravolti,

Nella nave canta un violino ungherese
a un certo punto il suono del mare resta sospeso
si sente un urto, uno squarcio, sembra quasi uno scherzo

Al giglio, al buio di notte le sue urla, di acciaio, lei affonda
Concordia. Concordo: infinita (o forse nessuna) Misericordia
Inclinata, lacerata, di fianco distesa sembra quasi che dorma

si muore a tentoni nei vicoli cechi, nell’acqua corrosi
L’idea: una piroetta, un saluto, un pesantissimo inchino
Addio a chi di 13 o di 14 o di mieloma (piu’ che una data, un destino)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: