The best of Moma, sta al terzo piano

Exquisite Corpse by Valentine Hugo, Andre Bretan, Tristan Tzara and Greta Knutson, "Landscape" (1933)

Dimentichiamoci per un attimo la meravigliosa retrospettiva dedicata a Cindy Sherman al sesto piano del Moma. E’ probabile che il The best show del museo oggi stia al piano numero tre. Almeno questo pensa Margaret Doyle, direttrice della comunicazione del museo e portavoce della curator Paola Antonelli. La mostra si intitola The exquisite corpse drawings, intendendo per corpse, cadavere, e raccoglie opere minori di artisti maggiori del Surrealismo come Joan Miró o più tardi come Jackson Pollock e Marcel Dzarma.
Contrariamente allo spessore delle personalità artistiche presenti, la mostra risulta omogenea.

Joan Miró, "Drawing – Collage" (1936),
Joan Miró, "Drawing – Collage" (1936)

Mirò gioca con la sessualità rendendo il copro scandalosamente ermafrodito. Non solo: a un lato ci appiccica una paperella gialla molto simile a quella diventata icona della grafica del web.

Hans Bellmer, "The Doll" (1937)
Hans Bellmer, "The Doll" (1937)

Mentre Hanz Bellmer piazza la sua “bambola” (doll) al buio e la rappresenta attraverso un rendering tridimensionale, di quelli che si usano nei progetti di architettura. Ma a quei tempi Adobe Illustrator allora ancora non esisteva. Né rendering né paperella.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...