Anima di soffio e zucchero

foresta
Puoi raccogliere i funghi, giocare a guardie e ladri, preparare la polenta, intagliare mostri con le zucche, raccogliere le foglie, scaldare le castagne, dare l’acqua ai fiori recisi. Ma l’anima dell’autunno, quella non la ruberai mai. Paolo Gallo, fotografo, classe 1976, prima Vercelli poi Berlino. Lui invece ci è riuscito benissimo. Si è addentrato in uno dei parchi berlinesi. Ha scelto un colore, ha aperto il diframma, ha aspettato la luce della sera. E solo dopo ha ripreso a respirare.
rosso
Una volta l’anima era rossa.
giallo
Una volta gialla.
verde
Una volta verde.
albero
E così a Berlino come in Giappone, agli alberi è stata restituita la loro anima di soffio e di zucchero.

Annunci

Un pensiero riguardo “Anima di soffio e zucchero

  1. Sono foto impressionanti queste di Paolo, nelle immagini sembra emergere dalla nebbia, elemento che evidentemente per esperienza sa gestire, una profonda sensibilità ed un impeccabile gusto nell’amalgamare i colori suggestionando così lo spettatore in maniera delicata ma con una decisa impronta di competenza e sicurezza.
    Sembra un poeta che, avendo raccolto esperienza nella malinconica pianura padana, sia riuscito a trovare la formula per fonderla con la magia nuova dei paesaggi del Brandemburgo, bravo.Fede

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...